In vigore dal 01/10/2016 con modifica del 01/04/2017

GNDN

GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA ONLUS

REGOLAMENTO NAZIONALE

- PREMESSA –
GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA

Nasce nel 2014 per la salvaguardia, Tutela e la Vigilanza, Ambientale, Zoofila, Ittica e Venatoria, intende farsi interprete delle molteplici istanze che provengono dalla società che ci circonda e che esprimono gli innumerevoli cambiamenti sempre più rapidi e talvolta radicali che caratterizzano e caratterizzeranno la società stessa.

Il volontariato può essere nel contempo un mezzo efficace per intervenire e partecipare a questi cambiamenti epocali ed uno strumento capace di aiutare dove ce ne fosse bisogno, come per esempio per la salvaguardia dell'ambiente e la tutela degli animali.

La Guardia GNDN è un volontario e questa è la sua forza, il poter agire per il bene altrui e per amore della natura, a disposizione del bisogno collettivo, ispirandosi alla nazionalità e all’europeismo che si pone alservizio del più debole:
- a favore dell’ambiente naturale, tra le componenti territoriali;

- al servizio dei più bisognosi nell’impegno sociale.
La GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA nasce per la salvaguardia, Tutela e la Vigilanza, Ambientale, Zoofila, Ittica, si prefigge di operare a favore della natura con tutti gli strumenti disponibili: alla sensibilizzazione all’educazione, dall’eco-gestione al recupero di aree degradate, dalla raccolta di animali in difficoltà alla promozione di norme per la tutela di ambienti ed animali, ecc.

Con la consapevolezza che l’ambiente e gli animali costituiscono un sistema complesso e che l’azione prodotta da un’associazione di volontariato debba essere qualificata per cogliere migliori risultati,l’entusiasmo (tipico dei gruppi di volontariato) deve essere unito alla competenza, da ciò scaturisce l’organizzazione dei volontari che possono, secondo il Loro interessi e/o competenze, operare nelle seguenti specializzazioni riconosciute:

- Animalismo;
- Aree protette;
- Benessere naturale;
- Energie a basso impatto e riciclaggio dei materiali; - Geologia;
- Zoologia.

 

ART.1 SCOPI E FINALITA’

La GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, trova la sua naturale collocazione nel contesto generale delle attività promosse per la salvaguardia, Tutela e la Vigilanza, Ambientale, Zoofila, Ittica, Venatoria, non armata.
I suoi soci, infatti, quale loro peculiare connotazione presentano un particolare rapporto verso il patrimonio naturale e la sua salvaguardia abbinato ad uno spiccato senso sociale, ispirando non di meno, il loro lavoro al più limpido e disinteressato volontariato.

L’attività di questa Associazione non lede, o si contrappone con presunzione agli Enti Pubblici e privati già in essere, ma in stretta e fattiva collaborazione con gli stessi.
Tale convergenza di intenti fa sì che i responsabili Nazionali, Regionali, Provinciali e Locali della GNDN offrano alle Autorità preposte, la più completa disponibilità, impegnandosi a dare, nel rispetto del loro dettato statutario e del loro regolamento interno, la più ampia e fattiva collaborazione.

La GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA è ben consapevole della differenza fondamentale fral’azione repressiva normale delle forze ed autorità pubbliche e l’azione di sensibilizzazione, di
persuasione ed educazione esercitata dalla GNDN tramite il contatto umano con i
contravvenenti effettivi, ma soprattutto con i potenziali contravvenenti.

L’inadempiente di fatto ricade sotto la giurisdizione dell’Ordine Pubblico, poiché solo quest’ultimo
ha facoltà di repressione.
LA GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA potrà, comunque, offrire alle forze dell’ordine e/oalle
varie Autorità, tutto l’aiuto e l’assistenza senza mai interferire evitando inutili negatività con
iniziative personali o non concordate.

Precisiamo che questa Associazione non vuole sostituirsi in nessun modo alle forze addette di Polizia operanti nel territorio italiano, ma bensì dare un valido contributo alla Società e in particolar modo alle forze di Polizia preposte alla tutela dell'ambiente e degli animali.

Quanto contemplato nello Statuto e Atto Costitutivo di quest’Associazione di Volontariato, costituendo tramite Licenze Provinciali e Prefettizia apposite Guardie Formate dagli Enti preposti per contribuire nelle attività degli illeciti in materia Ittico, Venatoria, Zoofila e Ambientale.

Sempre in Collaborazione con le Istituzioni preposte a tali compiti in sinergia e senza mai prevaricarne i limiti che gli competono, pertanto tutti coloro che vogliono o vorranno far parte della nostra associazione non dovranno mai e in nessun modo dimenticare che siamo dei Volontari e NON dei POLIZIOTTI , quindi mai permettersi di svolgere compiti che non gli appartengono.
Le Guardie Nazionali della Natura (Acronimo GNDN) nascono nel 2014 ad opera di un gruppo di Amici, intento a costituire un Corpo di sorveglianza e di tutela dell’ambiente e del patrimonio zoologico.
E’ un'associazione senza fini di lucro, diffusa su tutto il territorio nazionale, persegue finalità di solidarietà sociale a tutela dell'ambiente, opera secondo una visione antropologica della società, dove la centralità dell'uomo e la difesa dell'ambiente e degli Animali contribuiscono alla creazione di un sistema migliore per tutti.
Raccogliendo e facendo propri i principi e le finalità del sodalizio nazionale, organizzandoci in un gruppo di soci-volontari che svolgono le seguenti azioni:
1. Vigilanza sull'abbandono di rifiuti
2. Vigilanza di Parchi, Riserve Naturali e Oasi Naturali3. Vigilanza Ittico e Venatoria
4. Protezione animali
5. Vigilanza sull'osservazione delle norme di Polizia Forestale, Agricola, Zoofila e Ambientale
6. Rispetto dei Regolamenti Comunali in materia ambientale, protezione animale e decoro urbano
7. Vigilanza sul rispetto dei Vincoli Idrogeologici ed Escavazioni
8. Vigilanza sull'osservazione della normativa sulla raccolta dei funghi, sottobosco e tartufi
9. Vigilanza e protezione della flora spontanea endemica
10. Monitoraggi ambientali e faunistici
11. Salvaguardia del Patrimonio storico artistico
12. Scorta Tecnica
Il nostro Volontario è un normalissimo cittadino che ha deciso di mettere a disposizione della collettività, del tutto gratuitamente, parte del proprio tempo libero in azioni di tutela ambientale, informazione, prevenzione e vigilanza.
Non ci si avvicina ad una Associazione di volontariato come la GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA se dentro di se non si ha una forte motivazione di servizio verso la società che anela a tradursi indisponibilità concreta verso l’ambiente naturale e per i propri simili.

 

ART. 2 LO SPIRITO

La funzione della GNDN si evidenzia maggiormente per la sua azione educativa, preventiva e socializzante.
Nell’espletamento della sua attività, esso dovrà di conseguenza attingere
moderatamente alle sue doti personali, quali la personalità, la statura morale, l’attitudinepsicologica, una paziente disponibilità, la gentilezza e cortesia e non ultima una grande opera di convincimento.

Tutto ciò deve infondere nel cittadino un grande senso di sicurezza.
Nella prevenzione e salvaguardia Tutela e la Vigilanza, Ambientale, Zoofila, Ittica, Venatorio è necessarioporsi nella condizione che l’ipotetico contravventore non senta la paura di commettere un atto passibile disanzione, ma creare in lui una situazione di disagio psicologico, facendo emergere dalla sua coscienza una consapevolezza della dannosità del suo comportamento.
E’ evidente che in nessun caso (a meno di particolari situazioni contingenti e previa attribuzione dispeciali incarichi da parte di Enti Ufficiali ) la GNDN possa disporre di poteri estranei al
comune diritto, e di conseguenza esercitare un’azione repressiva, considerando che tale
prerogativa è e resta strettamente riservato alle Autorità Pubbliche.
L’efficacia dell’intervento della GNDN scaturisce direttamente dal rispetto, la stima e la
credibilità che si sarà guadagnato svolgendo la sua opera sul territorio di sua competenza.

Per quanto riguarda la protezione civile, esso dovrà essere disponibile a prestare soccorso a chiunque si trovi in difficoltà a seguito di un incidente o a seguito di un qualsiasi evento calamitoso.

A seguito del soccorso e/o assistenza di qualsiasi genere, la GNDN, rifiutando qualsiasi tipo di remunerazione, si limiterà ad evidenziare alla/e persona/e assistite e con discrezione, che la
stessa ha incontrato sulla sua strada un Volontario della GNDN e pertanto ciò che ha ricevuto è per noi del tutto naturale.
Tutto ciò permetterà All’Associazione GNDN di ottenere una indubbia influenza positiva che ripetendosi progressivamente affermerà la stima e autorevolezza nella cittadinanza, elevandol’importanza e il prestigio di ogni suo affiliato.

 

ART. 3 ETICA COMPORTAMENTALE

Le GNDN di qualsiasi ordine e grado saluterà sempre per primo la/le persone a cui si rivolge usando il saluto civile.
Si rivolge sempre con gentilezza e con le giuste parole a tutti a prescindere dall’età e gradosociale.

In caso di problemi interpersonali non dovrà mai scendere in futili discussioni e in caso di
contestazione si limiterà a segnalarlo al diretto superiore.
Per ottenere l’identità della persona avvicinata, esso deve sapere che non ha nessuna qualifica per esigerel’esibizione di documenti atti a comprovarla, salvo specifico conferimento di tale autorità da partedell’organo o previo nullaosta delle Autorità competenti o dell’Ente che ha assegnato il servizio.
Resta ovvio che né l’uniforme né la tessera esonerano dal rispetto di ogni legge o disposizione e che in casodi una eventuale trasgressione esse costituiranno un elemento aggravante nell’ambito del Corpo, cheprovvederà tempestivamente ad un severo richiamo.
Ogni eventuale abuso di potere potrà comportare la sospensione e/o la radiazione dall’associazione.

 

ART. 4 MODALITA’ DI ADESIONE

Non esistono “i quasi” o “ i mezzi” GNDN, quindi prima di frivoli entusiasmi e pseudo crociate è necessariopensarci bene, perché la GNDN SI E’!
Si aderisce all’Associazione formulando una domanda scritta e con tutta la documentazione richiesta perl’ammissione da inoltrare presso la sede Nazionale, al Consiglio Direttivo.

I soci operativi a seconda dell’impegno che si assumono nell’associazione possono essere
suddivisi in; Operativi, Collaboratori, Sostenitori, Simpatizzanti.
Tutti gli aspiranti Guardie GNDN Operativi avranno l'obbligo di seguire il corso formativo di base.

 

ART. 5 TESSERAMENTO

Il tesseramento è la fase in cui si concretizza l’inserimento delle persone che si riconoscono negli ideali e scopi dell’Ente GNDN GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.
1) Il tesseramento si apre per i vecchi soci il 1° Novembre e si chiude il 31 Dicembre.
2) Solo per i nuovi iscritti è ammesso il tesseramento nel corso dell’anno.

3) La quota annua è fissata di volta in volta dal Consiglio Direttivo Nazionale ed include l’assicurazioneobbligatoria per i volontari.
4) L’avvio della campagna per il tesseramento annuo, sia si tratti di rinnovi o nuove adesioni, è a
cura del Coordinamento Nazionale.

I Coordinamenti Regionale e Provinciale hanno l’onere di divulgare a tutti i loro Soci le comunicazioni inessere.
5) La prova dell’avvenuto tesseramento è data dall’invio della nuova tessera inviata dalla
Direzione Nazionale.

6) Per i nuovi soci il tesseramento deve essere preceduto da un esame di merito da parte del Coordinatore/Comandante (Regionale, Provinciale), il quale, solo dopo aver accertato l’integrità morale dell’aspirante e la sua precisa determinazione ad operare come volontario, formalizzerà la
richiesta di iscrizione.

7) Il mancato rispetto dei termini del tesseramento implica la decadenza dalla qualifica di socio.
Il reintegro potrà avvenire solo se la Direzione Nazionale ne ravviserà validi motivi di ritardo.
8) La raccolta delle quote è a cura della Presidenza Nazionale, salvo accordi diversi presi con la Presidenza Nazionale e cioè non oltre il 31/12 di ogni anno.
9) In caso di trattenuta di somme derivanti dal tesseramento senza autorizzazione e a qualsiasi
titolo, o compensi la suddetta somma con costi anche preventivamente sostenuti, o in via di sostentamento, senza il nullaosta rilasciato dalla Direzione Nazionale, verrà deferito al collegio di disciplina e, nei casi di maggiore gravità, all’Autorità Giudiziaria.

10) Il fatto di essere in regola con il tesseramento costituisce condizione essenziale, ma non diritto automatico ad esigere pretese se non per quelle strettamente avallate dal Coordinamento Nazionale.

 

ART. 6 DIRITTI E DOVERI

La definizione GUARDIA NAZIONALE DELLA NATURA viene dato ad ogni membro dell’organo stesso,dalla sua collocazione interna.
Tale termine è certificativa nei confronti del pubblico e dagli Enti Pubblici e Privati degli
appartenenti al nostra associazione, distinguendoli in maniera inequivocabile da altri appartenenti

ad Associazioni di volontariato a qualsiasi forma di organizzazione o società.
1) La qualifica di “GNDN” si ottiene con l’adesione per le vie previste (vedi tesseramento) e
con l’accettazione da parte degli Organi preposti a tale riguardo.
2) All’Ente GNDN possono accedere tutte le persone fisiche Maggiorenne. Sulla base delle proprie esperienze, orientamenti ed attitudini, il Volontario GNDN potrà aderire alle varie attività in senoall’associazione ad eccezione di eventuali condizioni di operatività.
3) La Guardie Nazionali della Natura diviene operativo dopo un tirocinio (100 ore di volontariato) con un Volontario più esperto e previo benestare del Coordinatore Nazionale, sempre che durante il
tirocinio non siano emersi a suo carico fatti pregiudizievoli e dopo aver ottenuto il benestare di
una apposita commissione;
Una volta concluso il percorso di inserimento, il volontario GNDN deve garantire alla suo sezione di appartenenza un minimo di 20 ore mensile di attività Associativa.
4) La Commissione di cui sopra viene costituita dal responsabile di competenza.
Essa sarà costituita da tre soci scelti dal responsabile (Regionale, Provinciale) e comunicato all’Ufficio diPresidenza entro 48 ore dalla loro istituzione.
5) L’acquisizione del titolo di GNDN operativo comporta la facoltà di partecipare alle
Assemblee con diritto di voto e di accedere a tutte le cariche dell’organo della GNDN.
6) All’atto di adesione, superati i tre mesi, si impegna al sostentamento delle spese
e all’acquisto della divisa di base.
Il socio è tenuto inoltre al sostentamento delle piccole spese connesse alla sua attività di volontariato, acquisendo il diritto al rimborso da parte dell’associazione in maniera non sistematica, ma in relazione aicontributi ricevuti da Enti Pubblici, Privati e sponsorizzazioni.
Il Volontario ha il dovere di tenersi aggiornato con il suo gruppo settimanalmente, per eventuali servizi.
7) Il socio ha il dovere di prestare la propria opera al servizio della collettività nei tempi e nei
modi indicati dal suo superiore, il mancato assolvimento a tre servizi consecutivi, ai quali fosse
stato assegnato, senza plausibile giustificazione, è motivo di richiamo ufficiale (vedi art.12).
E’ fatto assoluto divieto a tutti i Volontari GNDN, se non autorizzati per la loro qualifica o
espressamente autorizzati dalla Direzione Nazionale, di rilasciare dichiarazioni a mezzi di
pubblica informazione e diffondere all’interno dell’associazione notizie non fondate atte a screditarel’associazione stessa.
Ogni tipo di rimostranza deve sempre avvenire per via gerarchica al fine di permettere al Coordinatore/Comandante di prendere le dovute azioni del caso.
8) Si vieta a tutti i Volontari, se non espressamente autorizzati dalla loro qualifica o espressamente e per iscritto dalla Direzione Nazionale, di prendere accordi o iniziative in via ufficiosa o in via ufficiale con Enti Pubblici o Privati a qualsiasi titolo ed in qualsiasi maniera.
Il trasgressore verrà espulso senza altra formalità dall’associazione, e, in caso di accertamento
che da tali accordi avesse cercato di trarne vantaggi personali, verrà denunciato all’Autorità
Giudiziaria.
9) Ogni Volontario, nell’assolvimento dei servizi ai quali viene assegnato dal suo superiore, ha il
diritto di ricevere precise istruzioni non suscettibili di poco e chiara interpretazione, nonché di
ricevere ogni successivo ragguaglio ritenuto opportuno.
10) Il numero e la natura dei servizi assolti da ciascun Volontario e l’efficacia dimostrata in tali circostanze, costituiscono titolo per il passaggio del socio ad un grado maggiore di responsabilità, e quindi di grado, su espressa valutazione del suo superiore.

 

ART. 7 DIVISE ED UNIFORMI

La divisa è il segno di riconoscimento esteriore e per questo dovrà essere, in ogni caso, indossata in maniera impeccabile, secondo le esigenze, senza alterarne la foggia ed i contenuti.

La divisa, può essere:

 VOLONTARIO GNDN
 GUARDIA GGV
 UNIFORMA DI RAPPRESENTANZA (solo per Ufficiali e Dirigenti)

1. *alleghiamo BOOK Nazionale.

- In caso di recesso del Volontario per qualsiasi motivo dall’Associazione, deve restituire i fregi della/le uniformi al Raggruppamento di appartenenza, come pure la dotazione individuale.
- Il Responsabile incarico valuterà eventuali rimborsi, determinandone la causale e l’ammontare, ed in casosoprassederà agli stessi senza doverne giustificazione alcuna.
- Il Volontario è tenuto a sostenere la/le spesa delle propria Uniforme e dotazione personale.
Saranno infatti gli organi pubblici, alla luce delle nuove leggi nazionali e regionali sulla protezione civile
ed ecologica/ambientale e Zoofilo ed a quanto specificatamente previsto in tema di volontariato, a predisporre e finanziare particolari provvidenze a rimborso delle spese sostenute dal volontario.
A tal fine l’associazione, non appena ricevuti i finanziamenti e compatibilmente con le proprie iniziative darà corso, in via graduale, al rimborso delle spese sostenute dal Volontario a titolo personale.
- Il Volontario, nell’acquisire la/le uniformi o la dotazione con mezzi propri, non si pone a nessun
titolo in posizione creditoria nei confronti dell’associazione.
- Rimane tassativo l’obbligo per chiunque receda, o subisca provvedimenti disciplinari
dall’associazione, di restituire la tessera e il distintivo al Rappresentante senza diritto ad alcun
rimborso.

 

ART. 8 REGOLAMENTO INTERNO

1) Il Regolamento interno è destinato:
a precisare lo Statuto, interpretandolo e spiegandone l’applicazione;
a definire lo stesso;
a definire l’operatività del socio nei dettagli e fissandone i limiti.
2) Il Regolamento, così come lo statuto, deve essere sempre a disposizione dei soci con la
consegna diretta ai Volontario da parte degli Organi Locali o Centrali.
3) Il Regolamento viene rinnovato, modificato in tutto o in parte, o integrato con delibera del
Direttivo, il quale inoltra circolari interpretative e di applicazione del Regolamento medesimo.
4) Il Regolamento si divide in Articoli e punti, i quali possono essere in numero variabile.
5) Ogni Volontario, al momento della sua adesione, si impegna, come da Statuto, a sottostare al Regolamento senza possibilità di contestazione.
Tutti i Volontari che ricoprono una carica direttiva hanno la facoltà di far presente, per via gerarchica, al Direttivo eventuali correttivi e miglioramenti che ritenessero opportuni, avanzando anche loro eventuali proposte.
6) Il presente Regolamento conserverà la sua validità fino a quando il Direttivo non riterrà
opportuno, vista l’entità delle eventuali modifiche apportate, di redigerne uno nuovo.
7) Il presente Regolamento entra in vigore dal 01 Ottobre 2016, con modifica dal 01 Aprile 2017.

 

ART. 9 SUDDIVISIONE TERRITORIALE

La suddivisione di base della GNDN è attuata attraverso il Coordinamento Regionale, Provinciali, Territoriali e Comunali.

1). Le Sezioni, i Coordinamenti e qualsiasi gruppo creato per migliorare le attività Associative dipendono tutte dalla Direzione Nazionale.
2). Al Coordinamento Provinciale e/o Regionale spetta qualsiasi rapporto con gli Enti avente competenza per la sua Provincia (Prefettura, Questura, Comune del Capoluogo, Comando Carabinieri, Comando
Vigili del fuoco, comando Forestale, Enti Parchi, etc.) e con altri comuni presenti nella Provincia, salvo i contatti giornalieri con gli enti locali per il normale svolgimento dei servizi che spetta ai Coordinatori Locali e/o Territoriali. Nonché con le rappresentanze Provinciali di altre Associazioni anche prive di personalità giuridica, riservando tuttavia alla Direzione Nazionale tutte le questioni di carattere generale.

3). E’ fatto divieto assoluto alle Sezioni di prendere accordi con Enti che impegnino la Direzione nella sua interezza, di assolvere servizi che interessino fasce di territorio di altre Province, di prendere contatti ancheinformali con Enti non contemplati nell’articolo precedente e comunque aventi carattere pluri-provinciale, Regionale, se non previa autorizzazione scritta della Direzione Nazionale.

4). E’ fatto divieto alle Sezioni di interferire nella attività tra le parte e Comune in cui la Sezione stessa vi ha propria sede, salvo fatti documentati per gravi motivi, e previo nulla osta della Direzione.
5) Sedi Associative:

  1.   Sede Nazionale

  2.   Sede Regionale

  3.   Sede Provinciale

  4.   Le sedi Territoriali e Comunali sono a descrizione del Coordinatore Provinciale, in base alla

    fattibilità organizzativa, operativa e logistica.

  5.   Il minimo personale “INSINDACABILE” per aprire una sede GNDN è di 6 Volontari.


ART 10 SUDDIVISIONE ORGANIZZATIVA

La suddivisione organizzativa è attuata in base ai tradizionali criteri di scala gerarchica, onde
consentire lo svolgimento dell’attività dell’associazione con la massima disciplina ed efficacia. L’affidamentodegli incarichi, e quindi il grado corrispondente, è determinato esclusivamente da criteri di merito.
Tutte le decisioni di coordinamento ed intervento Nazionale vengono emanate esclusivamente
dalla Sede Nazionale.
Tutte le operazioni di Protezione Civile, Salvaguardia Ambientale, Animali e monitoraggio del territorio vengono esclusivamente decise dal Coordinamento Provinciale previa ed
esclusiva comunicazione del direttivo Nazionale.
Tutte le operazioni di intervento o monitoraggio o eventi di qualsiasi altra natura non autorizzate
dal Nazionale sono disconosciute quindi sanzionabili. (vedi art. 12)

 

ART. 11 GRADI ASSOCIAZIONE INTERNI *Alleghiamo circolare dettagliata.

 

ART. 12 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Al fine di salvaguardare l’integrità dell’associazione, dell’organo di volontariato nazionale e del
singolo volontario proveniente da qualsiasi estrazione sociale e da qualsiasi appartenenza territoriale vengono di seguito disposte ed approvate dal direttivo nazionale i seguenti provvedimenti disciplinari in caso di:
- Abuso o utilizzo inappropriato della divisa/Uniforme
- Utilizzo improprio e non autorizzato del logo GNDN
- Azioni e interventi non autorizzate dal Direttivo e/o Coordinamento
- Mancata osservanza al presente regolamento nazionale, al codice deontologico ed allo statuto
- Mantenimento di una condotta in contrasto con i principi di deontologia professionale associativa.
- offesa alla dignità, al decoro, al prestigio ed alla divisa dell’associazione.
1) Segnalazione
L’attivazione del provvedimento avviene con segnalazione scritta da parte di qualsiasi appartenenteall’Associazione ed inviata tramite mezzo posta alla Segreteria Nazionale ed indirizzata al direttivo.
Sarà compito del Collegio nazionale, dopo accurata indagine, in funzione della gravità delle inadempienze, pronunciarsi entro 60 giorni e applicare i provvedimenti riportati nel regolamento nazionale approvato.
2) Provvedimenti
a)Avviso
Consiste nel richiamo scritto in via ufficiale al tesserato tramite raccomandata.
E’ un provvedimento cautelativo al fine di riportare il normale svolgimento dell’associazione ed il rispettodegli articoli che la regolano.
b) Sospensione
Consiste nell’esclusione del tesserato da qualsiasi attività inerente l’associazione.
E’ un provvedimento temporale che vieta da parte del tesserato l’utilizzo della divisa e di qualsiasi altraattività riconducibile alla GNDN.
c) Espulsione
Consiste nell’uscita definitiva del tesserato dall’Associazione.
E’ un provvedimento definitivo che vieta l’utilizzo dei fregi, delle divise e del logo dell’associazione.

Se non verranno rispettati i giudizi ed i provvedimenti presi, si procederà a termine di legge.

 

ART. 13 APPLICAZIONE

Il presente regolamento composto da 13 articoli è esecutivo su tutto il territorio Nazionale a partire dal 1 Ottobre 2016.

Agliana (PT) il 17 Marzo 2017

Per Approvazione IL PRESIDENTE GNDN Medaglia di Bronzo al Valore Civile Antonio Ruggiero.

425