STATUTO NAZIONALE

GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURAIn Acronimo GNDN

  •   Associazione Zoofila Ambientale Ittica Venatoria Guardia boschi Guardia parchi.

  •   Gruppo Scorte Patentino ASA (Addetti alla Segnaletica Aggiuntiva).

  •   Gruppo di Protezione Civile (Operativo), Gruppo a Cavallo, Gruppo Cinofilo.

  •   Gruppo Soccorso Veterinario,

    *ONLUS *

    SEDE LEGALE
    In Via A. Santini 157 – 51031 Agliana (PT) Tel./Fax 0574 1821530 Cell. 328 6321553

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.gndn.it

    IN ESENZIONE DI IMPOSTA AI SENSI DELLA ART. 6 – 8LEGGE N° 266 DELL’ 11/08/1991. 

 
page2image3815872

Indice degli argomenti:

 

ARTICOLO 1 - SCOPI ED ORDINAMENTI DELL’ASSOCIAZIONE....... 4

1.1. IL LOGO G.N.D.N. ........................................................................... 4

1.2. GLI SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N....................................... 5

ARTICOLO 2 - LE FINALITA’ DELL’ASSOCIAZIONE GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA (G.N.D.N.).......................................... 7

2.1. GLI OBIETTIVI DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N. ............................... 8

2.2. FINALITÀ È COMPITO DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N. .................... 8

2.2.1. SETTORE AMBIENTALE, ZOOFILO, EQUESTRE. ............................... 9

2.2.2. SETTORE SANITARIO ................................................................... 11

2.2.3. SETTORE PROTEZIONE CIVILE..................................................... 12

2.2.4. SERVIZIO CIVILE ......................................................................... 13

2.3. FORMAZIONE: TUTELA DELLE FASCE DEBOLI E TUTELA DELLA SALUTE ........................................................................................ 14

2.4. ALTRI SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N. ................................ 17

2.5. ISCRIZIONE ALL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N.................................... 18

ARTICOLO 3 - ADESIONI :.......................................................... 18

ARTICOLO4 -ASSOCIATI:..........................................................19

ARTICOLO 5 - ESPLETAMENTO SERVIZI ....................................... 20

ARTICOLO 6 - LA PRESIDENZA NAZIONALE ................................. 21

ARTICOLO 7 – I SOCI FONDATORI............................................... 21

ARTICOLO 8 - IL PRESIDENTE NAZIONALE ................................. 21

ARTICOLO 9 - IL CONSIGLIO NAZIONALE.................................... 22

ARTICOLO 10 - FUNZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE .............. 22

ARTICOLO 11 - GLI ORGANI DELLE SEDI PROVINCIALI E DISTACCAMENTI TERRITORIALI.................................................. 24

ARTICOLO 12 - NOMINA DEGL’ISPETTORI PROVINCIALI, REGIONALE.................................................................................. 24

ARTICOLO 13 - COSTITUZIONE DEI GRUPPI LAVORO:................. 24

ARTICOLO 14 - IL SEGRETARIO NAZIONALE................................ 25

ARTICOLO 15 - TESORIERE REGIONALE....................................... 25

 

ARTICOLO 16 - QUOTE ASSOCIATIVE. ......................................... 26

ARTICOLO 17 - PARTECIPAZIONE AI CORSI. ............................... 26

ARTICOLO 18 - RAPPORTI CON ISTITUZIONI .............................. 27

ARTICOLO 19 ............................................................................... 27

ARTICOLO 20 ............................................................................... 27

ARTICOLO 21 ............................................................................... 28

ARTICOLO 22 ............................................................................... 28

 

 

ARTICOLO 1 - SCOPI ED ORDINAMENTI DELL’ASSOCIAZIONE

E' costituita l’Associazione Nazionale denominata (ASSOCIAZIONE GUARDIE

NAZIONALI DELLA NATURA) acronimo Statuario (G.N.D.N.) ZOOFILA,

AMBIENTALE, ITTICA, VENATORIA, GUARDIAPARCHI, GUARDIABOSCHI, PROTEZIONE CIVILE in forma abbreviata G.N.D.N. oppure GNDN O.N.L.U.S. indipendente, apolitica e senza fini di lucro, con sede Nazionale in Viale Europa n° 9, Cap 51017, Pescia (PT).

Detta Sede naturale, può essere trasferita in altre Regioni, Provincie e/o Comuni, previa adozione di atto deliberativo del Consiglio Nazionale.

L’Associazione G.N.D.N. - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA è composta da associazioni regionali e provinciali per le provincie autonome, indipendenti, con un unico codice fiscale ed autonomia finanziaria, che, però, si riconoscono nei fini associazionistici nazionali di seguito indicate, aggregate e dislocate su tutto il territorio NAZIONALE.

L’Associazione G.N.D.N. - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA ha durata indeterminata e si scioglie nei casi previsti dalla Legge Italiana e dal presente Statuto.

1.1. IL LOGO G.N.D.N.

I loghi che identifica e contraddistingue l’Associazione G.N.D.N. - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA sono allegati al presente Statuto Nazionale e ne costituisce parte integrante.

1.2. GLI SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N.

Gli scopi dell’Associazione sono:

A. Di provvedere alla protezione dell’Ecosistema con particolare riguardo agli Animali, all’Ambiente, all’ Ecologia e di riflesso, alla Natura in genere, con l’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale;

 

B. Di svolgere efficace propaganda Ambientale e Animalista in particolare, organizzando incontri culturali nelle scuole e nel mondo dei giovani divulgando sani principi Ecologici ed Animalisti e intraprendendo iniziative compatibili con la funzione dell’Associazione senza interferire con l’Attività di altri Enti ed Istituzioni;

C. Di attuare corsi di formazione, per i propri Operatori, Guardie per il servizio Zoofilo-Ambientale, per collaborare con le Pubbliche Istituzioni alla vigilanza sulla tutela delle leggi e dei regolamenti generali e locali, relativi alla salvaguardia della Natura, dell’Ambiente, della protezione degli animali e della difesa del patrimonio zootecnico ivi compresi CACCIA e PESCA. Il servizio di tali Guardie sarà regolato da specifico regolamento.

D. Di attuare corsi di formazione per i propri Operatori e per tutte le altre attività che possono essere svolte per la più proficua collaborazione con le Pubbliche Amministrazioni.

E. Di preparare progetti finalizzati al perfezionamento delle normative finalizzate agli scopi dell’ Associazione.

F. Di studiare con le Istituzioni : Stato, Regioni, Province, Comuni, Protezione Civile ed altri Enti Locali le soluzioni di problematiche inerenti il campo della Natura, dell’Ambiente, Protezione Civile e della Protezione degli Animali.

G. Di collaborare con i MINISTERI, con CNVVF, con il CFS, con le forze dell'ordine, con il DPC e le strutture di PROTEZIONE CIVILE e AIB regionali, provinciali e comunali, con la CROCE ROSSA ITALIANA, con l’ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO e con tutte le altre Associazioni – Enti – Istituzioni Pubbliche e Private, anche attraverso forme convenzionali, il cui interesse sia rivolto alla protezione dell’ecosistema e che in ogni caso, abbiano come finalità la salvaguardia di qualsiasi forma di vita sul pianeta.

H. Di attivarsi per ottenere sussidi economico – finanziari, per l’ esistenza ed il miglioramento dell’ Associazione stessa, organizzando attività sportive e culturali, creando un giornale periodico, stipulando convenzioni con Istituzioni Pubbliche e Private.

I. Di non avere scopo di lucro, tutti i proventi delle attività non potranno, in nessuno caso, essere divisi fra gli Associati, sia in forma diretta che indiretta, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre ONLUS che per legge, Statuto o Regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.

L. Di rivestire, obbligatoriamente, eventuali avanzi di gestione, a favore di attività istituzionali statutariamente previsti.

M. I membri eletti alle cariche associative, gli associati, gli operatori, svolgono i loro compiti a titolo volontario e gratuito, agli stessi saranno rimborsate le sole spese sostenute per la loro attività.

N. In caso di scioglimento dell’Associazione tutti i beni mobili e immobili, saranno devoluti ad altre Associazioni, ma in forma prioritaria a quelle con le stesse finalità, oppure a fini di pubblica utilità, sentito l’ organo di controllo di cui all’articolo 3 comma 190 della legge n° 662 del 23/12/1996.

2L. ARTICOLO 2 - LE FINALITA’ DELL’ASSOCIAZIONE GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA (G.N.D.N.)

L’Associazione, dal momento della iscrizione all’ anagrafe unica delle ONLUS, utilizzerà la dicitura, ”organizzazione non lucrativa di utilità sociale l’acronimo è “ ONLUS “. Le finalità dell’associazione Guardie Nazionali Della Natura (G.N.D.N.) sono di vigilare che siano rispettate le leggi a tutela dell’ambiente, contribuendo allo sviluppo e alle attività connesse alla conservazione del patrimonio naturale e paesaggistico, offrendo il proprio servizio a titolo volontario e gratuito e non armato, operando nei seguenti settori:

A. Controllo smaltimento rifiuti

B. Tutela fauna e flora.

C. Tutela e protezione animali

D. Tutela beni archeologici – Tutela delle risorse idriche

E. Prevenzione contro il danneggiamento delle strutture pubbliche, strutture private ad uso pubblico

F. Prevenzione contro attività di vincolo edilizio - paesaggistico

G. Servizio di viabilità stradale in occasione di eventi e/o su richiesta da parte

delle forze dell’ ordine

H. Prevenzione Incendi

I. Applicazione delle norme di protezione e recupero fauna selvatica

J. Prescrizioni di Polizia Forestale, in base ai regolamenti nazionali, regionali, provinciali, finalizzati alla tutela dell’ambiente in genere.

K. Controllo e monitoraggio discariche abusive

L. Controllo corsi d’acqua, controllo delle attività ittiche (acque interne) –

venatorie – micologiche

M. Protezione Civile

N. Servizi Sociali, assistenza sanitaria, servizio ambulanza

O. Controllo , tutela salvaguardia marittima (acque aperte) P. Nucleo Operativo Radio Telecomunicazione

Q. Nucleo Operativo Cinofili

R. Nucleo Operativo a Cavallo

S. Nucleo Sommozzatori.

T. Nucleo soccorso forestale. U. Nucleo soccorso fluviale

V. L'acquisizione, gestione e locazione di strutture e attrezzature idonee e conformi alle leggi vigenti in materia, per la realizzazione di corsi, congressi,, assemblee, nonché l'attuazione di tutte le attività ricreative e culturali, correlate allo scopo sociale.

W.L'Associazione potrà compiere operazioni immobili, mobiliari, finanziare e commerciale, correlate allo scopo sociale, necessarie e utili al raggiungimento delle sopra citate finalità.

X. Organizzazione di attività sportiva, non competitiva, ed eventi sportivi compatibile con l'ambiente.

Y. Formazione.

Z. Tutela delle fasce deboli e tutela della salute.

2.1. GLI OBIETTIVI DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N.

In particolare gli obiettivi dell’Associazione G.N.D.N. - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA sono:

a) Diffondere e favorire la conoscenza e il rispetto per la natura.

b) Difendere la biodiversità in tutte le sue forme.

c) Offrire un’adeguata protezione a tutte quelle zone d’ interesse artistico culturale e adoperarsi per una tutela dell’ambiente che tenga conto delle esigenze biologiche e culturali dell’essere umano in genere.

d) Diffondere e favorire la conoscenza e il rispetto per il benessere animale. 2.2. FINALITÀ È COMPITO DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N.

Per il raggiungimento di tali finalità è compito dell’Associazione GNDN - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA:

a) La difesa ittico – venatoria – micologica.

b) Corsi di difesa personale, a tutela dei servizi di “sicurezza pubblica” eventi

Mondani, sportivi, fiere e manifestazioni di vario tipo

c) Corsi per Guardie Zoofile, Ambientali, ittico-venatorie, zootecniche.

d) Corsi per espletamento servizio di Viabilità Stradale Addetti alla segnaletica aggiuntiva (Patentino A.S.A.)

e) Sorveglianza rurale ed ecologica in aree urbane ed extraurbane

f) Collaborare con tutte le Associazioni o Enti che perseguono stessi scopi

g) Protezione Civile

h) Corsi di Primo Soccorso Sanitario ( BLS – BLSD) e Soccorritori Veterinari

i) L’Associazione G.N.D.N. - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA rappresenta tutte le organizzazioni associate sul piano Regionale per il proprio funzionamento può istituire uffici di rappresentanza in tutto il territorio Regionale, sentito il parere e il consenso del Consiglio Direttivo Nazionale, le cariche vengono ricoperte a titolo gratuito e onorifico.

Nello specifico :

2.2.1. SETTORE AMBIENTALE, ZOOFILO, EQUESTRE.

1. Tutela della flora e della fauna, mediante proprie guardie decretate alla vigilanza ittica, venatoria, zoofila, ambientale in tutte le sue funzioni, compatibili con le legislazioni vigenti;

2. Salvaguardia dell'habitat naturale, antincendio boschivo e di interfaccia in collaborazione con le Amministrazioni competenti, sia in fase di prevenzione, che di avvistamento e limitatamente alle persone formate, informate addestrate ed equipaggiate per il contrasto attivo. Tramite, utilizzo di sistemi di radiocomunicazioni, monitoraggio della natura, dell'ambiente e del patrimonio storico culturale ed artistico;

3. Coinvolgimento d’istituti scolastici, associazioni di persone disabili, enti e realtà del mondo profit e no profit, in attività formative e nella programmazione di visite e gite istruttive finalizzate alla conoscenza del territorio ambientale e storico-artistico attraverso il collegamento tra strutture di accoglienza, strutture ricettive, servizi di trasporto, istituti formativi, rete del circuito museale, delle offerte culturali, delle risorse naturali e dello svago;

4. Organizzazioni di escursioni guidate ad aree protette e sui percorsi naturalistici;

5. Promozione e sviluppo dell’educazione ambientale;

6. Progettazione e realizzazione di mostre e aree a carattere espositive a

carattere fotografico, naturalistico e ambientale;

7. Progettazione di percorsi escursionistici e naturalistici;

8. Realizzazione di studi e consulenze naturalistiche e ambientali;

9. Organizzazione di iniziative di protezione e di tutela ambientale;

 

10. Promozione della conoscenza, salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente e habitat naturali;

11.Provvedere alla formazione tecnica di guardie giurate volontarie per la tutela, la salvaguardia ed il recupero ecologico ed ambientale del territorio di competenza;

12.Stipulare anche convenzioni con Enti e pubbliche istituzioni preposte operando con i propri associati nominati Guardie Giurate Volontarie favorendone ogni forma di vigilanza a tutela dell'ambiente con particolare riferimento al territorio regionale anche nell'ambito delle direttive della Comunità Europea e delle convenzioni ed accordi internazionali;

13.Operare tramite proprie guardie “G.A.V.” (Guardia Ambientale Volontaria) secondo quanto previsto dalla normativa vigente nazionale e regionale;

14.Promozione dell'istituzione di oasi naturalistiche, centri di protezione ambientali e parchi naturali, anche mediante acquisizione, amministrazione, gestione di terreni, oasi, bioparchi, riserve, monumenti naturali, aree protette;

15. Gestione diretta di aree di interesse naturalistico anche attraverso interventi di infrastrutturazione e riqualificazione;

16.Consulenze tecnico scientifiche e attività nel campo della tutela e della gestione ambientale anche legato all'utilizzo sostenibile delle risorse, alla lotta all'inquinamento e al miglioramento della qualità della vita;

17.Stipulare convenzioni con enti pubblici e privati, asl e canili e gestire progetti di adozione consapevole, sterilizzazione, formazione, ect.;

18. Istituzione Ufficio Diritti Animali e Tutela Benessere Animale;

19. Provvedere alla formazione tecnica di operatori di canile , operatori di primo

soccorso veterinario, recupero e trasporto di animali feriti;

20.Organizzare iniziative di protezione, favorire lo sviluppo di un corretto rapporto uomo-animale, adozioni consapevoli nonché valutare e organizzare percorsi educativi per cani per favorire un alto indice di adottabilità (IDA) ed intervenire contro qualsiasi forma di sfruttamento e maltrattamento ,verificando le condizioni igienico-sanitarie e benessere psico-fisico ,detentive degli animali in ottemperanza alla legge 189/2004 e ss.mm. per la tutela degli animali (animali destinati all’uso sportivo e/o alla macellazione, banchi che vendono animali nelle fiere o mercati, canili, attività circensi e tutti i giochi che prevedono lo sfruttamento animale);

21. Preparare progetti d'assistenza con animali per persone con disabilità visive, uditive e di locomozione favorendo il loro inserimento e la loro integrazione nelle attività sociali e civili (Pet therapy, ippoterapia, Opoterapia etc.);

 

22. Formazione di gruppi operativi cinofili di utilità sociale (ricerca, salvataggio in acqua etc.);

23.Favorire l’integrazione e la collaborazione con servizi ed enti pubblici e privati che operano nel settore animale e ambientale;

24.Intervenire contro l’esportazione e l’importazione di animali esotici e d’affezione;

25. Promuovere occasioni di incontro diretto con il mondo animale, attraverso visite guidate nei rifugi, masserie didattiche, bioparchi etc.;

26.Istituire e gestire servizi di assistenza, profilassi e soccorso zoofilo veterinario, ivi compreso la gestione di strutture di ricovero e assistenza per animali, nonché cliniche, ambulatori veterinari ed ogni attività zoofila pertinente, avvalendosi di personale interno e/o esterno abilitati all’esercizio delle attività professionali in conformità alla vigente normativa;

27.Diffondere nozioni veterinarie e di igiene e svolgere campagne di sensibilizzazione ed informazione sul problema del controllo delle nascite nonché effettuare direttamente interventi da sterilizzazione sugli ospiti dei propri rifugi e sui cani appartenenti a persone non abbienti;

28.Ottenere la gestione in proprio e/o per conto terzi, siano essi pubblici o privati, di strutture idonee al ricovero, mantenimento e cura degli animali abbandonati e randagi e aree attrezzate per cani;

29. Vigilanza a cavallo per la salvaguardia ambientale ed ecologica, turismo equestre;

30. Provvedere alla formazione tecnica di Assistenti e Guide Equestri Ambientali , Istruttori varie specialità ,Operatore all'Equitazione ricreativa per disabili , Assistente Tecnico di Veterinaria , Tecnici del Benessere;

31. Stallo per equidi sequestrati per maltrattamento;

32. Valutazione tecnica per costruzione , ristrutturazione e gestione di strutture con diverse tipologie di detenzione degli animali ( detenzione personale a scopo amatoriale con finalità non economiche, detenzione con finalità economiche, detenzione per finalità ludico sportive, detenzione ai fini della lotta al randagismo, detenzione di animali da reddito), al fine di riconoscere agli stessi il diritto ad un'esistenza dignitosa e rispettosa delle loro caratteristiche biologiche, etologiche nonché del loro benessere psico- fisico, e di favorire la corretta convivenza con l'uomo; valutando anche il livello degli aspetti/impatti ambientali derivanti dalle attività connesse, ed individuare soluzioni che tendono a ridurre e minimizzare gli effetti negativi sull'ambiente, al fine della conservazione del patrimonio naturale e della prevenzione di qualsiasi forma di inquinamento;

 

33. Curare la costituzione di gruppi d'acquisto e provvedere alla distribuzione di prodotti per animali e in particolare per i gruppi cinofili ed equestri, nonché le attrezzature necessarie per le loro attività e il loro benessere;

34.Realizzazione interventi atti a favorire e stimolare ogni forma di attività sportiva, non competitiva compatibile con l'ambiente , come corsi di sopravvivenza e trekking, con possibilità di affiliarsi ad associazioni di promozione sportiva dilettantistica;

35. Curare la costituzione di gruppi d'acquisto e provvedere alla distribuzione di materiali per l’attività all’aperto e degli sport all’aria aperta;

2.2.2. SETTORE SANITARIO

1. Organizzare il soccorso e trasporto di ammalati e feriti mediante ambulanze

e altri mezzi idonei;

2. Promuovere attività di educazione sanitaria; assistenza infermieristica e socio-sanitaria ,assistenza integrativa per case di riposo e case di cura;

3. Curare la costituzione di gruppi di acquisto e provvedere alla distribuzione di prodotti naturali e biosanitari a fini salutistici;

4. Istituire, nelle proprie sedi o in convenzione con altri enti, centri di salute e benessere con le finalità di offrire ai propri associati e non consulenze e trattamenti finalizzati alla prevenzione, alla conservazione e ripristino di un buono stato di salute anche attraverso l'utilizzo di metodiche non convenzionali;

5. Promuovere attività volte a garantire la salute psicofisica ed una corretta interazione uomo ambiente;

2.2.3. SETTORE PROTEZIONE CIVILE

1. Contribuire allo sviluppo e potenziamento della Protezione Civile, collaborando con le autorità e gli Enti competenti per migliorare l’utilizzo delle risorse;

2. Promuovere la preparazione del personale addetto con iniziative di informazione, studio, dibattito e addestramento nel pieno rispetto dell’autonomia decisionale;

3. Compiere interventi di Soccorso nell’ambito dei Comuni, ed in caso di necessità e/o in emergenza richiesto anche a livello Provinciale, Regionale, Nazionale ed internazionale;

4. Promuovere studi, ricerche e iniziative sul tema della previsione e della prevenzione in materia di protezione civile e sui problemi urbanistici e architettonici relativi al recupero e alla ricostruzione dei centri colpiti da calamità;

 

5. Organizzare corsi di formazione, qualificazione, riqualificazione, aggiornamento del personale in qualsiasi modo impiegato nella protezione civile, secondo le direttive ed i ruoli fissati dalle leggi statali e regionali;

6. Affiancare, come supporto documentale e scientifico, gli organi competenti alle attività di intervento in emergenza;

7. Promuovere operazioni di prevenzione per la tutela delle persone e del patrimonio ambientale e naturale;

8. Predisporre, in collaborazione con le Amministrazioni Comunali, i piani comunali per la Protezione Civile;

9. Organizzare, in collaborazione con gli EE.LL., corsi teorico/pratici, escursioni didattiche, campeggi aperti a scopo di esercitazione, l'aggiornamento e la qualificazione dei volontari;

10.Affiancare i servizi nazionali, regionali, comunali, provinciali di Protezione Civile, il Corpo Forestale dello Stato, le Comunità Montane, gli Enti Pubblici e Privati, le Autorità Civili e Militari, per l’attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, concorrere al soccorso delle popolazioni sinistrate ed ad ogni altra attività necessaria ed indifferibile diretta a superare l’emergenza connessa agli eventi;

2.2.4. SERVIZIO CIVILE

1. Promuovere iniziative per la promozione e la valorizzazione del servizio

civile volontario;

2. Organizzare i giovani volontari che hanno già svolto o che intendono svolgere il servizio civile volontario, per la preparazione al servizio e valorizzazione delle competenze acquisite e fornire strumenti idonei per l’inserimento nel mondo del lavoro;

3. Assicurare alle associazioni ed enti soci e non dell’associazione l’assistenza sulla progettazione, formazione, tutoraggio, monitoraggio, reclutamento, selezione e valutazione;

4. Promuovere e presentare progetti di servizio civile volontario in Italia e all’estero;

5. Formulare richieste di accreditamento all’albo nazionale degli enti di servizio civile nazionale;

6. Fornire supporto ed ausilio ad enti ed istituzioni in attività di interesse generale e collettivo nella viabilità, scorta tecnica e di emergenza;

2.3. FORMAZIONE: TUTELA DELLE FASCE DEBOLI E TUTELA DELLA SALUTE

1. Istituire, organizzare e gestire le seguenti attività:

a) Corsi di formazione professionale autofinanziati in virtù della legge n° 845 del 21/12/1978 ed in conformità delle vigenti leggi regionali in materia.

b) Corsi di formazione professionale finanziati con il contributo previsto da leggi, dispositivi e/o regolamenti in ambito europeo, nazionale o regionale.

c) Corsi di recupero anni scolastici.

d) Corsi di preparazione universitaria in Italia e all’estero.

e) CorsidipreparazioneadesamidiStatoedaconcorsipubblici.

f) Corsi di formazione specialistica post secondaria, di perfezionamento e di specializzazione post universitaria in Italia e all’estero.

g) Corsi liberi e/o sperimentali nei vari ambiti delle scienze umane e sanitarie.

h) Corsi liberi per attività culturali, gastronomiche, ambientali, sportive, teatrali, dello spettacolo in generale e del tempo libero

i) Corsi di formazione per docenti e formatori nell’ambito delle scienze umane.

l) Corsi per la formazione dei docenti preordinata sia all’istruzione che all’integrazione degli alunni in situazione di handicap nelle scuole di ogni ordine e grado.

m) Corsi di aggiornamento per docenti delle scuole di ogni ordine e grado.

n) Corsi di metodo alternativo (Montessori, Doman, Agazzi, Froebel,

Decroly, bilingue, etc.).

o) Corsidiformazioneadistanza.

p) Corsi di diploma universitario in affidamento secondo quanto disposto dalle vigenti leggi in materia.

2. Organizzare nel suo seno sezioni speciali per minoranze etniche, per portatori di handicap e per la terza età o comunque soggetti appartenenti alle fasce della marginalizzazione.

3. Predisporre un centro di documentazione a favore dei soci e dei cittadini ed un servizio di pubblica lettura per quanti siano interessati.

4. Avanzare proposte agli Enti Pubblici, partecipando attivamente alle forme decentrate di gestione democratica del potere locale per una adeguata programmazione del territorio in ordine alle attività espletate dall’ASSOCIAZIONE G.N.D.N. - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

5. Promuovere interventi finalizzati alla tutela dell'ambiente per la realizzazione di un compatibile equilibrio eco sistemico.

 

6. Curare direttamente e/o indirettamente la produzione, l'edizione e la distribuzione su qualsiasi supporto di periodici, notiziari, indagini, ricerche, ecc.

7. Provvedere all'acquisto ed alla distribuzione di pubblicazioni, edizioni fotografiche, audiovisivi e materiali di vario interesse culturale e scientifico a beneficio dei soci e di tutti gli interessati.

8. Indire, per il raggiungimento dei propri fini istituzionali, convegni, manifestazioni culturali, meetings, seminari, congressi, conferenze, simposi, mostre, dibattiti, aste e lotterie sociali, gare a premi a carattere locale e nazionale, in forma diretta e/o con altre associazioni e con il patrocinio e/o contributo dello Stato, della Regione, della Provincia, degli Enti Locali, della CEE, della Curia, e di Enti ed Istituzioni Private.

9. Garantire attività preventive ed integrative per la tutela della salute su base territoriale anche attraverso campagne di educazione psicosociale e di educazione socio sanitaria.

10.Effettuare studi e promuovere ricerche nelle varie banche delle scienze ambientali, umane e zoofile.

11. Istituire, nelle proprie sedi o in convenzione con altri enti, centri di salute e benessere con le finalità di offrire ai propri associati e non consulenze e trattamenti finalizzati alla prevenzione, alla conservazione e ripristino di un buono stato di salute anche attraverso l'utilizzo di metodiche non convenzionali.

12.Promuovere attività volte a garantire la salute psicofisica ed una corretta interazione uomo ambiente.

13. Curare la costituzione di gruppi d'acquisto e provvedere alla distribuzione di: a) Prodotti naturali e biosanitari a fini salutistici;

b) Prodotti per animali ed in particolare per il gruppo cinofilo e gruppo a cavallo.

14. Sviluppare iniziative atte ad incrementare l'uso sociale del tempo libero;

15.Realizzare interventi atti a favorire e stimolare ogni forma di attività sportiva, non competitiva, compatibile con l'ambiente, come corsi di sopravvivenza e trekking, con possibilità di associarsi ad associazioni di promozione sportiva.

16. Ricevere contributi e sovvenzioni di qualsiasi natura da Enti pubblici e privati nazionali ed internazionali offrendo la propria assistenza e consulenza in ognuno dei campi in cui si svolge la propria attività.

17. Rendersi tramite a che si stringano e si intensifichino relazioni di amicizia e culturali tra i membri dell’ASSOCIAZIONE GNDN - GUARDIE

 

NAZIONALI DELLA NATURA e quelli appartenenti ad analoghe istituzioni, sia italiane che estere, onde migliorare la loro reciproca comprensione ed il più frequente scambio di idee.

18.Encomiare e, nei limiti della disponibilità economica del fondo sociale, premiare chiunque si sia distinto nella realizzazione degli scopi dell’ASSOCIAZIONE GNDN - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

19. Curare la costituzione di gruppi d'acquisto e provvedere alla distribuzione di materiali per l’attività all’aperto e degli sport all’aria aperta.

20. Istituire albi onorifici.

21. Rilasciare tessere, distintivi, attestati, diplomi, trofei e similari.

22. Agevolare ed intensificare le relazioni tra gli associati e cooperare con gli stessi per la tutela degli interessi ambientali, animalisti, morali, professionali, giuridici, economici e previdenziali del corpo associativo.

23.Fornire agli associati informazioni e consulenze di natura professionale: ambientali, zoofile, sanitaria, delle medicine non convenzionali, legale, fiscale, amministrativa, assicurativa ed organizzativa.

24.Divulgare tra gli associati, anche a mezzo di propria stampa, tutte le conoscenze scientifiche acquisite, stimolando tra essi sia lo scambio di notizie, informazioni e ricerche, sia la collaborazione e cooperazione per una migliore preparazione professionale;

25.Intrattenere relazioni con Fonti Scientifiche e Centri di Studi Specialistici europei ed extraeuropei.

26.Avvalersi e dotarsi di apparecchiature multimediali e sistemi di comunicazione per l’informazione di massa.

27. Favorire l’estensione delle proprie attività culturali e scientifiche attraverso forme consortili con altre organizzazioni e/o istituzioni pubbliche e private.

28. Proporsi come struttura di servizi per Enti, Associazioni, Categorie, etc. che perseguono finalità che coincidano anche parzialmente con gli scopi dell’ASSOCIAZIONE GNDN - GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

29.Promuovere la costituzione di istituti, laboratori e Centri per la ricerca culturale e scientifica.

30. Istituire Centri di ascolto, di accoglienza e di riabilitazione;

31.Organizzare e gestire scuole ed osservatori nei vari ambiti delle scienze ambientali, zoofile, umane e sanitarie, nonché artistiche, sportive, dello spettacolo, delle arti e professioni in generale, ecc.

 

32. Istituire borse di studio per corsisti, studenti e ricercatori purché meritevoli per pregresse manifestazioni di cultura siano essi appartenenti o meno all’ASSOCIAZIONE GNDN – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

33.Promuovere ogni forma di turismo ambientale, sociale, culturale e scientifico;

34. Costituire un fondo di solidarietà sociale attraverso contribuzioni spontanee e contributi versati dagli associati nelle forme e nei modi stabiliti dal Consiglio Direttivo.

35. Organizzare un servizio di protezione civile finalizzato alla formazione della coscienza civile, alla previsione, alla prevenzione, nonché al soccorso e all’assistenza in caso di calamità, sia alle popolazioni che agli animali.

36. Promuovere forme di assistenza domiciliare tese a migliorare le condizioni dei bisognosi e sofferenti.

37.Organizzare servizi socio culturali e assistenziali rivolti a soggetti appartenenti alle “fasce della emarginazione”.

38.Sottoscrivere convenzioni, rapporti di collaborazione e scambi di informazione con Università, Istituti statali e para statali.

2.4. ALTRI SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N.

L’Associazione si prefigge, inoltre:

a) di tutelare l’integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l’ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, catastrofi e da altri eventi calamitosi connessi con l’attività dell’uomo;

b) di perseguire l’attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, l’attività di soccorso alle popolazioni colpite ed ogni altra attività necessaria ed indifferibile diretta a superare l’emergenza connessa agli eventi di cui sopra;

c) di realizzare attività di osservazione e riferimento per Autorità ed Enti Locali quando da loro richiesto;

d) di promuoversi come interlocutore nei confronti delle Autorità, Enti pubblici competenti per le attività di protezione civile.

e) la promozione e la crescita culturale e professionale dei propri aderenti.

L'Associazione potrà anche svolgere attività direttamente connesse a

quelle istituzionali, ovvero accessorie in quanto integrative delle stesse, nei limiti consentiti dal D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460 e successive modifiche e integrazioni.

L’associazione potrà, esclusivamente per scopo di autofinanziamento e senza fine di lucro, esercitare le attività marginali previste dalla legislazione vigente.

In tutte le sopra citate attività precipua attenzione sarà rivolta ai soggetti

deboli, sofferenti ed in particolare ai soggetti disabili. Per il perseguimento delle proprie finalità, l’Associazione G.N.D.N. svolgerà le proprie attività, garantendo sempre priorità ai soggetti in condizione di disagio fisco, psichico e sociale, attraverso l'esercizio di tutte quelle altre funzioni che le fossero demandate, in virtù di Regolamenti e disposizioni, da parte di competenti autorità o per deliberazione dell’Associazione stessa sempre in conformità dello statuto e della legislazione vigente.

2.5. ISCRIZIONE ALL’ASSOCIAZIONE G.N.D.N.

L'iscrizione è subordinata al versamento annuale della quota d’iscrizione stabilita annualmente, al superamento del colloquio formativo in Sede, condizioni necessarie per potere accedere alle assemblee Soci, Votazioni, Corsi, Espletamento servizi.

Le categorie dei Soci per i ruoli all’interno dell’Associazione GNDN è specificata nel Regolamento Nazionale

ARTICOLO 3 - ADESIONI :

Le richieste di adesione all’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA sono approvate dal Consiglio Direttivo Nazionale.

Le Associazioni che faranno richiesta di adesione dovranno avere minimo un Coordinamento Provinciale, e rispettare i parametri imposti dal Nazionale.

E’ vietato fare iscrizioni singole senza nessun Coordinamento nella provincia interessata.

Tutti i soci delle Associazioni G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA possono partecipare a tutte le attività Istituzionali, Feste, Manifestazioni e tutti i rappresentanti possono frequentare regolarmente la sede Nazionale dell’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, visionare documenti, atti, convenzioni, elenco iscritti all’Associazione e qualsiasi altro tipo di documento inerente all’attività dell’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

La Presidenza Nazionale G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, può radiare, e/o prendere provvedimenti verso i Coordinamenti Regionali per morosità e/o comportamento non adeguato alle regole dell’Associazione in qualsiasi momento sia venuto meno alle disposizione di legge del presente Statuto.

Le Associazioni radiate, possono presentare ricorso all’Ufficio di Presidenza Nazionale.

 

Per fare parte dell’Associazione Nazionale G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA non si deve essere iscritti ad altre Associazioni (Ambientaliste e/o Animaliste) simili o paralleli, aventi stessi scopi e principi Associativi e Istituzionali.

Ogni Sede Regionale può formare un gruppo di Guardie volontarie Zoofile - Ambientali - Ittiche, Venatorie, che risponderanno del proprio operato direttamente al Presidente Nazionale, che può delegare la mansione ai Coordinamenti Regionali.

Per potere aprire una Sede Provinciale o Distaccamento Comunale dell’Associazione di G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, bisogna fare richiesta direttamente alla Presidenza Nazionale con almeno il 6 (sei) Volontari operativi.

Una sede/ufficio con bagno.

I tesserini di riconoscimento e le Assicurazioni sono rilasciati direttamente dalla Presidenza Nazionale dell’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

ARTICOLO 4 -ASSOCIATI:

Sono Associazioni G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA tutte quelle che accettano il presente Statuto, e coloro che, ne fanno richiesta.

La quota Associativa è stabilita annualmente in Sede di Presidenza Nazionale. L’Associazione Regionale decade in qualità di associato quando:

A. La Direzione Regionale ha comunicato per iscritto al Direttivo Nazionale il proprio recesso;

B. Espulsione causata da comportamenti scorretti contro le disposizioni di Legge e del presente Statuto, decisa dalla Presidenza Nazionale

Avverso l’espulsione è ammesso ricorso all’Ufficio di Presidenza Nazionale, che sentito il parere del Direttivo Nazionale in via definitiva.

Ogni Sede Regionale, Provinciale e i Distaccamenti, sono sotto il controllo totale della Presidenza Nazionale economicamente e operativamente, operano e sottoscrivono convezioni con Enti e/o Privati con l’unico codice fiscale Nazionale e l’unico conto corrente intestato alla Presidenza Nazionale.

La firma dei documenti o delle Convenzioni con Enti e/o Privati deve essere solo del Presidente Nazionale o un suo Delegato Temporaneo.

Tutte le convenzioni, introiti, donazioni, iscrizioni dei Soci/Volontari, lasciti, acquisti devono sempre essere depositati in Presidenza Nazionale e nel rispetto delle disposizione di Legge e del presente Statuto salvo quando eventualmente concordato nel Direttivo Nazionale.

Per raggiungere le finalità espresse nel presente Statuto l’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA si avvale di prestazioni personali GRATUITE e VOLONTARIE, dei propri Soci per il quale è previsto solo un rimborso pari alle spese realmente sostenute e documentate.

ARTICOLO 5 - ESPLETAMENTO SERVIZI

Il Socio, in regola con quota annuale di iscrizione e polizza annuale assicurativa, finito il periodo di “addestramento”, viene chiamato a svolgere i vari servizi di Istituto o Convenzionati con i vari Enti.

In primis sarà affiancato da una GUARDIA/VOLONTARIA G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALE DELLA NATURA più esperta e/o anziana di servizio.

Ogni servizio dovrà essere comandato per iscritto dal Responsabile/Comandante Provinciale, detto servizio non potrà superare la durata di 6 ore per turno, eventuale prolungamento di orario di servizio dovrà essere motivato da reali circostanze di urgenza e di bisogno del servizio stesso.

I servizi vengono svolti in forma del tutto “ Volontaria e Gratuita ” è previsto solo un rimborso, non forfetario delle spese sostenute (Vedi art. 4) se autorizzate dalla Presidenza Nazionale o da un suo delegato.

I servizi vengono effettuati da GUARDIE/VOLONTARIE (non armate), in uniforme e/o con pettorina dell’Associazione minimo 2 appiedati o con automezzo recante la Livrea di Istituto o qualsiasi distintivo comprovante, l’appartenenza all’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, qui vi potrà essere la partecipazione di 1 allievo guardia/volontaria, per ogni 2 guardie più esperte e/o anziane di servizio.

E’ assolutamente vietato a tutte le Guardie/Volontarie G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA l’uso di divise, distintivi di segnalazione, pettorine, non in servizio comandato, e se questo non espressamente autorizzato dagli Organi Competenti (REGIONE, PREFETTURA, PROVINCIA, COMUNI, PROTEZIONE CIVILE ).

I tesserini rilasciati, come ogni altro materiale, sono personali e ognuno è responsabile personalmente riguardo l’ uso.

Ogni violazione di quanto sopra sarà perseguita penalmente, con atto di rivalsa dell’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA verso il trasgressore.

Eventuale rifiuto, non giustificato, allo svolgimento di servizi protratto nel tempo procurerà l’espulsione del soggetto dall’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

L’espulsione in qualsiasi caso, non comporta all’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA la restituzione di somme versate dal Socio, ma impone al Socio la restituzione dei tesserini di riconoscimento e il divieto di uso di qualsiasi stemma, indumento, ecc. recanti i loghi dell’Associazione

G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

6. ARTICOLO 6 - LA PRESIDENZA NAZIONALE

La presidenza Nazionale è composta dai seguenti organi:

a)Il Presidente Nazionale, è scelto tra Coordinatori Regionali fondatori;

b)I Vice Presidenti, vengono nominati dal Presidente Nazionale;

c) I Membri Permanenti, Presidente i Vice Presidenti Regionali fondatori;

d)L’Ufficio di Presidenza Nazionale, (Presidente Nazionale, i Vice Presidenti Nazionale, e i Membri Permanenti tra i quali si sceglierà il Segretario Nazionale e il Tesoriere Nazionale);

e) Il Consiglio Direttivo Nazionale, (i precedenti elencati più gli altri Coordinatori Regionali);

non potrà essere sospeso se non per dimissioni scritte o per decesso.

7. ARTICOLO 7 – I SOCI FONDATORI

ILSocio Fondatore è il Presidente Nazionale Antonio Ruggiero che ha fondato tale Associazione e che manterrà il titolo onorifico di Presidente Onorario anche quando non ricoprono la carica di Presidente, e tale titolo

ARTICOLO 8 - IL PRESIDENTE NAZIONALE

Il Presidente Nazionale:

A. Ha la rappresentanza legale dell’Associazione Nazionale e vigila su le Associazioni Regionali e Provinciale per il rispetto del presente statuto;

B. Convoca e presiede il Consiglio Nazionale;

C. Stabilisce l’ordine del giorno delle relative sedute;

D. Provvede all’ esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Nazionale;

E. Sottoscrive accordi e/o gemellaggi a livello nazionale con ENTI, Istituzioni ed Associazioni;

F. Potrà nominare un Supervisore Nazionale per la organizzazione e l’attività delle Guardie/Volontarie G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA che l’Associazione di volontariato dispone in proprie o nominate dalle Pubbliche Amministrazioni.

G. Potrà inoltre avvalersi della collaborazione di Responsabili Nazionali dei vari settori che saranno disciplinati da apposito regolamento interno.

H. In caso di assenza o di impedimento del Presidente, i relativi poteri sono attribuiti ai Vice Presidente, in caso di assenza o impedimento anche di questi, al Segretario Nazionale.

I. Convoca l’Assemblea Generale dei Soci per:

 per l’approvazione annua del conto economico redatto dalla

Tesoreria Nazionale;

 ogni volta che lo ritiene opportuno per comunicazioni, corsi, progetti dell’Associazione;

 Per direttive e le attività istituzionali.

ARTICOLO 9 - IL CONSIGLIO NAZIONALE

Il consiglio Nazionale è composto:

a) PRESIDENTE;

b) I VICE PRESIDENTE;

c) I MEMBRI PERMANENTI( tra cui il SEGRETARIO e il TESORIERE;

d) NUMERO CONSIGLIERI REGIONALI, che sono i Coordinatori Regionali ed i Vice Coordinatori Regionali.

Nomine fatte direttamente dal Presidente Nazionale in conformità alle successive norme statutarie e regolamentare.

I membri con cessata nomina restano in carica sino all’insediamento dei successori.

Nel caso di cessazione della carica per qualsiasi motivo, (Segretario, Tesoriere e Consiglieri) la stessa resasi vacante, sarà occupata dal diretto successore nominato dal Presidente Nazionale.

ARTICOLO 10 - FUNZIONE DEL COORDINAMENTO REGIONALE

A. Organizza e delibera i funzionamenti dei servizi e per l’esplicazione delle

diverse attività dell’Associazione;

B. Redige entro il Mese di Novembre il bilancio dei servizi Delibera, l’accettazione di lasciti e donazione di qualsiasi natura che portano aumento di patrimonio;

C. Comunica su ogni affare che porti trasformazione e diminuzione di patrimonio, nel corso dell’esercizio.

D. I contributi, lasciti mobiliari e Immobiliari ottenuti da Enti Pubblici e da Privati dovranno essere versati direttamente sul conto corrente dell’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA.

1) Conduzione di rifugi per animali di affezione sia privati che Pubblici;

2) Altre attività Istituzionali che prevedano un rimborso spese;

A. Coordina la Istituzione delle Sedi, Provinciali , Distaccamenti con la relativa nomina del Responsabile/Comandate Provinciale e Responsabile Distaccamento;

B. Attiva le direttive per l’attività istituzionale ;

C. Nomina su benestare del Nazionale ISPETTORI REGIONALI e PROVINCIALI per la vigilanza ed il controllo delle Sedi Provinciali, Distaccamenti, conferendo loro mandato specifico sino a revoca dello stesso

D. Le cariche degli Ispettori Regionali e Provinciali sono a titolo completamente gratuito;

E. Dispone la sostituzione della carica di Responsabile/Comandante Provinciale o Responsabile Distaccamento provvedendo alle relative gestioni.

F. Decide di COMMISSARIARLI, allorché richiamati alla osservanza ed agli obblighi ad essi imposti dalla Legge e dallo Statuto, nonché dai regolamenti interni o dalle direttive emanate dal Presidente Nazionale, se persistono a violarli, alla decadenza dell’incarico.

11. ARTICOLO 11 - GLI ORGANI DELLE SEDI PROVINCIALI E DISTACCAMENTI TERRITORIALI.

Gli organi delle sedi provinciali e distaccamenti territoriali sono:

A. Coordinatore Provinciale, nominato direttamente dal Presidente Nazionale.

B. Coordinatore Distaccamento nomina direttamente dal Presidente Nazionale .

12. ARTICOLO 12 - NOMINA DEGL’ISPETTORI PROVINCIALI, REGIONALE

A. La nomina degli Ispettori Provinciali viene fatta direttamente dal Presidente Nazionale, la sua funzione è su mandato del Coordinamento Regionale al controllo dell’attività sia Operativa che Burocratica della Provincia e dei propri Distaccamenti Territoriali.

B. La nomina degli Ispettori Regionali viene fatta direttamente dal Presidente Nazionale, la sua funzione è su mandato del Coordinamento Regionale al controllo dell’attività sia Operativa che Burocratica di tutte le Provincie e di tutti Distaccamenti Territoriali.

C. La loro funzione è di controllare e riportare in modo documentato la situazione e la realtà delle sedi sul territorio Provinciale e Regionale, per quanto riguarda le strutture, abbigliamento, loghi, tesserini, mezzi, attività operativa, attività burocratica, attività finanziaria, se il tutto viene fatta il base allo statuto e regolamento dell’Associazione.

ARTICOLO 13 - COSTITUZIONE DEI GRUPPI LAVORO:

Il Presidente Nazionale, ed analogamente quello Regionale nel suo pieno potere può nominare dei gruppi di lavoro a livello Nazionale e delegare loro alcune attività dell’Associazione tipo:

A. GRUPPO FORMAZIONE nei vari livelli formativi.

B. GRUPPO WEB & DESAINER.

C. GRUPPO ABBIGLIAMENTO ASSOCIATIVO.

D. GRUPPOPARCOMEZZI.

E. GRUPPI VARI ED EVENTUALI in base all’esigenza per il buon lavoro dell’Associazione.

14. ARTICOLO 14 - IL SEGRETARIO NAZIONALE.

Il Segretario Nazionale nominato direttamente dal Presidente Nazionale, coadiuva il Presidente o in sua assenza i Vice Presidenti in tutti i compiti in particolare:

A. Provvede alla tenuta registro soci attivi e alla sua compilazione;

B. Provvede all’esporre al Presidente eventuali problematiche sorte

nell’Associazione;

C. É responsabile della tenuta dei registri Soci e al loro aggiornamento;

D. Provvede in fase di riunione, all’esporre al Consiglio Direttivo relazione dettagliata verbale sull’ordine del giorno;

E. Provvede alle convocazioni di assemblee ordinarie e straordinarie, il Consiglio Direttivo su richiesta del Presidente Nazionale.

15. ARTICOLO 15 - TESORIERE NAZIONALE.

Il Tesoriere Nazionale nominato direttamente dal Presidente Nazionale, provvede su delega dello stesso a:

 

A. Disbrigo della corrispondenza;

B. Movimento denaro in cassa e/o conto corrente;

C. Riscuote contributi lasciti e ogni altro credito dell’Associazione, rilasciando relative ricevute;

D. Esegue in base a mandato del Presidente Nazionale, pagamenti, riscossioni, avendo cura di rilasciare sempre dettagliata ricevuta;

E. Deposito presso fondo cassa o Conto Corrente;

F. Responsabile tenuta registri cassa e movimento di denaro;

G. Provvedeallacompilazioneetenutaverbaliassemblee,riunioni,Consiglio Direttivo, coadiuvato dal Segretario;

H. Presenta mensilmente un resoconto alla visione del Presidente Nazionale;

I. Redige il bilancio preventivo ed il conto consuntivo della Sede Nazionale, rispettivamente entro il mese di Ottobre e di Marzo nonché le variazioni al bilancio preventivo, che sarà approvato dalla Presidenza Nazionale.

ARTICOLO 16 - QUOTE ASSOCIATIVE.

Il pagamento delle quote Associative da parte delle Sedi deve avvenire entro il 31 Dicembre di ogni anno, causa perdita dell’anzianità di servizio.

Scaduta tale data varrà il Consiglio Nazionale deciderà sul da farsi.

La quota associativa nazionale sarà comunicata annualmente 60 gg prima della scadenza alle Sedi Regionali, Provinciali e loro sedi, ed ha validità di anno solare.

ARTICOLO 17 - PARTECIPAZIONE AI CORSI.

I soci operativi hanno l’obbligo di frequentare appositi corsi organizzati dall’Associazione o da altre associazioni riconosciute che svolgono analoghe attività. Sarà facoltà del Consiglio Direttivo Nazionale valutare il riconoscimento di corsi svolti presso altre associazioni, per i frequentatori di corsi di scuole regionali o istituzione il riconoscimento potrà essere immediato in seguito esibizione di apposita certificazione.

La partecipazione ai corsi per l’acquisizione del Decreto Prefettizio per il servizio di Guardia Zoofila Ambientale, Ittica, Venatoria potrà avvenire esclusivamente su autorizzazione scritta del Presidente.

Per i corsi a Livello Nazionale sarà il Consiglio Direttivo decidere la partecipazione e il contingentamenti per Regioni.

 

18. ARTICOLO 18 - RAPPORTI CON ISTITUZIONI

L’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, offre il suo operato a titolo volontario e gratuito, prevedendo i rimborsi previsti dalla Legge sul volontariato.

A. Rimane a disposizione di tutte le Autorità che ne facciano richiesta e ogni singolo Volontario “OPERATIVO” deve mettersi a completa disposizione.

B. L’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA svolge servizio di Protezione Civile, in caso di gravi eventi, disastri, incidenti di ogni tipo, calamità naturali, condizioni climatiche avverse, quindi all’interno dell’associazione, detiene un Nucleo di Pronto Impiego, da inviare su richiesta della Protezione Civile Nazionale, Prefettura, Protezione Civile Regionale, Provinciale e Comunale secondo le condizioni operative richieste all’ atto dell’iscrizione nei appositi registri di Protezione Civile o secondo convenzioni appositamente sottoscritte.

C. L’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA, al suo interno detiene un Nucleo Operativo che ha svolto corsi vari:

D. Patentino A.S.A. (Addetti alla segnaletica Aggiuntiva), scorte tecniche e viabilità Stradale;

E. Guardie Ambientali, zoofile, Ittico - Venatorie, Zootecniche;

F. Corso di Primo Soccorso ed educazione Sanitaria/Veterinaria;

G. Addetto Prevenzioni Incendi, Lotta Antincendio e Gestione dell’ Emergenza;

H. L’Associazione G.N.D.N. – GUARDIE NAZIONALI DELLA NATURA rimane a disposizione in qualsiasi momento alle chiamate delle AUTORITA’ che richiedono le propri GUARDIE/VOLONTARIE come Associazione di Volontariato.

19. ARTICOLO 19

Entro TRENTA giorni dall’approvazione del presente Statuto il Presidente Nazionale, o chi ne fa le veci, provvederà ad emanare ed approvare le direttive per l’ applicazione immediata dello Statuto, tramite il regolamento contenente le norme di attuazione.

20. ARTICOLO 20

Eventuali modifiche al seguente Statuto verranno approvate in sede di riunione da parte del Consiglio Nazionale.

21. ARTICOLO 21

Ogni Coordinamento Regionale, Provinciale e loro sedi sono sotto il controllo totale da parte della GNDN ITALIA (Coordinamento Nazionale) per l'omogeneità riguardante l'immagine associativa, Livree (parco mezzi, attività operativa, attività burocratica, loghi, abbigliamento e divise associative.

Lo Statuto e il Regolamento è unico a livello Nazionale.

22. ARTICOLO 22

Per quanto non previsto nel presente Statuto, si rimanda alle norme presenti nel Codice Penale e alle disposizioni concernenti in materia di Codice Civile.

Il presente Statuto è costituito da ventidue (22) articoli e ed è stato approvato all’unanimità dall’ assemblea del Consiglio Nazionale in data 17/03/2017 in Pieve a Nievole (PT).

IL PRESIDENTE GNDN Sig. Antonio Ruggiero

 

372